Zeta Concept | Parquet: 3 consigli per il tuo arredamento
23009
post-template-default,single,single-post,postid-23009,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,popup-menu-fade,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
 

Parquet: 3 consigli per il tuo arredamento

Parquet: 3 consigli per il tuo arredamento

Caldo, confortevole ed elegante – ma non solo: oggi parliamo di parquet.

Lati positivi e negativi

Il parquet è un elemento distintivo e unico: può essere massiccio, multistrato, intarsiato, decorato o intagliato, e composto da differenti tipi di materiali. Tra i legni nobili comunemente usati troviamo i chiari (faggio, rovere, acero), i bruni (teak, afrormosia), i rossi (doussié, merbau) e gli scuri, come il wengé. Ottime alternative anche i legni di olivo e noce.

Il parquet riassume in sé molti lati positivi: è caldo alla vista (specie se in legno) e al tatto, migliora la conservazione della temperatura calda in inverno, si armonizza facilmente con diversi tipi di arredamento, dal bianco minimal ai colori accesi. I lati negativi, tuttavia, non mancano: il legno è un materiale “vivo” ed è quindi sensibile al sole (variazioni di colore) e all’acqua (umidità), risultando meno comodo nel lavaggio e più delicato negli esterni.

Negli ultimi anni si sono visti molto il parquet laminato, costituito da un supporto in pvc, e il gres porcellanato, specie per i bagni, dove si ripropongono le linee del parquet ma senza la delicatezza del materiale vivo.

Come arredare con il parquet

Prima di arredare uno spazio dotato di parquet, occorre analizzare di che tipo è: se colorato ci farà da guida – essendo elemento imprescindibile – mentre se neutro ci darà ampio spazio di manovra. Ecco qualche consiglio pratico per non sbagliare:

  • Attenzione ai mobili in legno: sceglierli simili al pavimento renderà l’ambiente pesante e monotono. Meglio quindi puntare sui contrasti, anche cromatici: volendo ci si può aiutare con tende e tappeti, oppure con complementi d’arredo che riprendono il materiale del parquet ma lo declinano in altri colori e tonalità.
  • Se il parquet è bruno o scuro, meglio illuminare la stanza con tocchi chiari e tendaggi leggeri.
  • Se l’abbinamento con il bianco e lo stile scandinavo è il più immediato, o lo stile elegante il più scontato, parquet non esclude colore. Chi ama lo stile etnico – ad esempio – potrà usare arancioni accesi e rossi: daranno un tocco di luce e spezzeranno la monocromaticità dell’ambiente.

Ultimi trend

Esistono – in alternativa ai parquet classici – le versioni colorate o decorate, con stampe, disegni e rilievi; o i legni più pregiati e inconsueti come l’iroko, che si ricava dagli alberi di Chlorophora (Africa equatoriale) ed è di ottima durata nel tempo.

Vuoi ristrutturare o riarredare casa? Contattaci cliccando qui.

Tags: